Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Xagena Mappa

Apixaban versus Warfarin nei pazienti con fibrillazione atriale e malattia renale cronica avanzata


Rispetto alla popolazione generale, i pazienti con malattia renale cronica avanzata hanno un carico di fibrillazione atriale di 10 volte o più superiore.
Sono disponibili dati limitati che guidino l'uso di anticoagulanti orali non-antagonisti della Vitamina-K in questa popolazione.

È stata confrontata la sicurezza di Apixaban ( Eliquis ) con Warfarin ( Coumadin ) in 269 pazienti con fibrillazione atriale e malattia renale cronica avanzata ( definita come clearance della creatinina CrCl da 25 a 30 ml/min ) arruolati nello studio ARISTOTLE ( Apixaban for Reduction in Stroke and Other Thromboembolic Events in Atrial Fibrillation ).

Sono stati stimati gli hazard ratio per sanguinamento maggiore e sanguinamento maggiore o clinicamente rilevante non-maggiore.
È stato caratterizzato il profilo farmacocinetico di Apixaban valutando le differenze di esposizione.

Tra i pazienti con clearance della creatinina da 25 a 30 ml/min, Apixaban ha causato meno sanguinamenti maggiori ( hazard ratio, HR=0.34 ) e sanguinamenti maggiori o clinicamente rilevanti non-maggiori ( HR=0.35 ) rispetto al Warfarin.

I pazienti con clearance della creatinina da 25 a 30 ml/min randomizzati ad Apixaban hanno mostrato una tendenza verso tassi più bassi di sanguinamento maggiore rispetto a quelli con clearance della creatinina superiore a 30 ml/min ( interazione P=0.08 ) e sanguinamento maggiore o clinicamente rilevante non-maggiore ( interazione P=0.05 ).

Le aree mediane giornaliere allo stato stazionario sotto la curva per Apixaban 5 mg due volte al giorno sono state 5.512 ng/(ml x h) e 3.406 ng/(ml x h) per i pazienti con clearance della creatinina da 25 a 30 ml/min o superiore a 30 ml/min, rispettivamente.

Per Apixaban 2.5 mg due volte al giorno, l'esposizione mediana è stata di 2.780 ng/(ml x h) per i pazienti con clearance della creatinina da 25 a 30 ml/min.
L'area sotto i valori della curva per i pazienti con clearance della creatinina da 25 a 30 ml/min è rientrata negli intervalli dimostrati per i pazienti con CrCl superiore a 30 ml/min.

Tra i pazienti con fibrillazione atriale e clearance della creatinina da 25 a 30 ml/min, Apixaban ha causato meno emorragie rispetto al Warfarin, con riduzioni ancora maggiori dell'emorragia rispetto ai pazienti con clearance della creatinina maggiore di 30 ml/min.
È stata osservata una sostanziale sovrapposizione nel range di esposizione ad Apixaban 5 mg due volte al giorno per i pazienti con o senza malattia renale cronica avanzata, supportando il dosaggio convenzionale in pazienti con clearance della creatinina da 25 a 30 ml/min.

Sono urgentemente necessari studi randomizzati e controllati che valutino la sicurezza e l'efficacia di Apixaban nei pazienti con malattia renale cronica avanzata, compresi quelli sottoposti a dialisi. ( Xagena2020 )

Stanifer JW et al, Circulation 2020; 141: 1384-1392

Cardio2020 Nefro2020 Farma2020


Indietro