Aggiornamenti in Aritmologia
Cardiobase
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Xagena Mappa

Associazione della fibrillazione atriale di nuova insorgenza dopo chirurgia non-cardiaca con successivo ictus e attacco ischemico transitorio


Gli esiti della fibrillazione atriale postoperatoria dopo chirurgia non-cardiaca non sono ben definiti.

È stata determinata l'associazione tra fibrillazione atriale postoperatoria di nuova insorgenza versus nessuna fibrillazione atriale dopo chirurgia non-cardiaca con il rischio di esiti non-fatali e fatali in uno studio di coorte retrospettivo nella contea di Olmsted, Minnesota, che ha coinvolto 550 pazienti che hanno avuto la prima fibrillazione atriale documentata entro 30 giorni dopo aver subito un intervento chirurgico non-cardiaco ( fibrillazione atriale postoperatoria ) tra il 2000 e il 2013.

Di questi pazienti, 452 sono stati abbinati per età, sesso, anno dell'intervento e tipo di intervento chirurgico a pazienti con chirurgia non-cardiaca a cui non era stata diagnosticata la fibrillazione atriale entro 30 giorni dall'intervento ( nessuna fibrillazione atriale ).
L'ultima data di follow-up è stata nel 2018.

È stata esaminata la fibrillazione atriale postoperatoria versus nessuna fibrillazione atriale dopo chirurgia non-cardiaca.

L'esito primario era l'ictus ischemico o l'attacco ischemico transitorio ( TIA ).
Gli esiti secondari includevano la successiva fibrillazione atriale documentata, la mortalità per tutte le cause e la mortalità cardiovascolare.

L'età media dei 452 pazienti abbinati era di 75 anni e il 51.8% dei pazienti era rappresentato da uomini.
I pazienti con fibrillazione atriale postoperatoria avevano punteggi CHA2DS2-VASc significativamente più alti rispetto a quelli nel gruppo senza fibrillazione atriale ( mediana, 4 vs 3; P minore di 0.001 ).

Nel corso di un follow-up mediano di 5.4 anni, ci sono stati 71 ictus ischemici o TIA, 266 episodi successivi di fibrillazione atriale documentati e 571 decessi, di cui 172 correlati all'apparato cardiovascolare.

I pazienti con fibrillazione atriale postoperatoria hanno mostrato un rischio più elevato statisticamente significativo di ictus ischemico o TIA ( tasso di incidenza, 18.9 vs 10.0 per 1.000 anni-persona; differenza di rischio assoluto [ RD ] a 5 anni, 4.7%; hazard ratio, HR=2.69 ) rispetto a quelli senza fibrillazione atriale.

I pazienti con fibrillazione atriale postoperatoria hanno presentato rischi statisticamente e significativamente più elevati di fibrillazione atriale successiva documentata ( tasso di incidenza 136.4 vs 21.6 per 1.000 anni-persona; RD assoluta a 5 anni, 39.3%; HR, 7.94 ) e morte per tutte le cause ( tasso di incidenza, 133.2 vs 86.8 per 1.000 anni-persona; RD assoluta a 5 anni, 9.4%; HR, 1.66 ).

Nessuna differenza significativa nel rischio di morte cardiovascolare è stata osservata per i pazienti con e senza fibrillazione atriale postoperatoria ( tasso di incidenza, 42.5 vs 25.0 per 1.000 anni-persona; RD assoluta a 5 anni, 6.2%; HR, 1.51 ).

Tra i pazienti sottoposti a chirurgia non-cardiaca, la fibrillazione atriale postoperatoria di nuova insorgenza rispetto all'assenza di fibrillazione atriale è stata associata a un significativo aumento del rischio di ictus o TIA.
Tuttavia, le implicazioni di questi risultati per la gestione della fibrillazione atriale postoperatoria, come la necessità di una terapia anticoagulante, richiedono indagini in studi randomizzati. ( Xagena2020 )

Siontis KC et al, JAMA 2020; 324: 871-878

Cardio2020 Neuro2020 Chiru2020



Indietro