Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Associazione Silvia Procopio

Funzione tiroidea entro il range di normalità, ipotiroidismo subclinico e rischio di fibrillazione atriale


La fibrillazione atriale è una patologia molto diffusa che porta a insufficienza cardiaca, ictus e morte.
Una migliore comprensione dei fattori di rischio modificabili può offrire opportunità di prevenzione.
Il rischio di fibrillazione atriale risulta aumentato nell'ipertiroidismo subclinico, ma non è chiaro se anche le variazioni della funzione tiroidea all'interno del range di normalità o l'ipotiroidismo subclinico siano associati a fibrillazione atriale.

È stata condotta una revisione sistematica e sono stati ottenuti dati dai singoli partecipanti da studi di coorte prospettici che hanno misurato la funzionalità tiroidea al basale e hanno valutato la fibrillazione atriale incidente.

Lo stato eutiroideo è stato definito come ormone stimolante la tiroide ( TSH ) da 0.45 a 4.49 mIU/l e l’ipotiroidismo subclinico come TSH da 4.5 a 19.9 mIU/l con livelli di tiroxina libera ( fT4 ) all'interno dell'intervallo di riferimento.

È stata esaminata l'associazione dei livelli di TSH nel range eutiroideo e nel range ipotiroideo subclinico con la fibrillazione atriale incidente; nei partecipanti eutiroidei, è stata esaminata anche l'associazione tra i livelli di fT4 e la fibrillazione atriale incidente.

Su 30.085 partecipanti da 11 coorti ( 278.955 anni-persona di follow-up ), 1.958 ( 6.5% ) avevano ipotiroidismo subclinico e 2.574 individui ( 8.6% ) hanno sviluppato fibrillazione atriale durante il follow-up.

Il TSH al basale non è risultato significativamente associato alla fibrillazione atriale incidente nei partecipanti eutiroidei o in quelli con ipotiroidismo subclinico.

Più elevati livelli di fT4 al basale nei soggetti eutiroidei sono risultati associati a un aumentato rischio di fibrillazione atriale nelle analisi aggiustate per età e sesso ( hazard ratio, HR=1.45; P per tendenza uguale o inferiore a 0.001 per tutti i quartili ).

Le stime non differivano sostanzialmente dopo ulteriori aggiustamenti per malattie cardiovascolari preesistenti.

In conclusione, negli individui eutiroidei, livelli più elevati di ft4 circolante, ma non i livelli di TSH, sono risultati associati a un aumento del rischio di fibrillazione atriale incidente. ( Xagena2017 )

Baumgartner C et al, Circulation 2017; 136: 2100-2116

Cardio2017 Endo2017



Indietro