Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Associazione Silvia Procopio

Tassi di sanguinamento maggiore nei pazienti con fibrillazione atriale in terapia antitrombotica singola, doppia o tripla


I pazienti con fibrillazione atriale generalmente richiedono terapia anticoagulante e, a volte, terapia con inibitori addizionali di aggregazione piastrinica.
Ci sono pochi dati sui tassi di sanguinamento nei gruppi ad alto rischio sottoposti a terapia di associazione, come gli anziani o i pazienti con un alto punteggio CHA2DS2-VASc.

È stato condotto uno studio di coorte a livello nazionale sui pazienti danesi con fibrillazione atriale di 50 anni di età o superiore.
I trattamenti sono stati accertati da un database di prescrizione. Questi includevano nessun trattamento anticoagulante, trattamento con antagonisti della vitamina K, anticoagulanti orali diretti, inibitori piastrinici e combinazioni di farmaci antitrombotici.

Sono stati stimati globalmente i tassi di incidenza ( IR ) dei sanguinamenti maggiori e gli hazard ratio ( HR ), stratificando per modalità di trattamento, età, punteggio CHA2DS2-VASc e comorbilità.

Il sanguinamento maggiore è stato definito come sanguinamento che richiedeva il ricovero in ospedale o la causa di morte.

Sono stati identificati 272.315 pazienti con fibrillazione atriale. L'età media era di 75 anni e il 47% erano donne.

Durante un periodo di follow-up totale di 1.373.131 anni-paziente, si sono verificati 31.459 sanguinamenti maggiori ( IR 2.3 per 100 anni-paziente ).

In confronto con la monoterapia con antagonista della vitamina K, gli hazard ratio aggiustati per sanguinamento maggiore sono stati 1.13 per doppia terapia antipiastrinica, 1.82 per terapia con un antagonista della vitamina K e un antiaggregante piastrinico, 1.28 per terapia orale di anticoagulazione diretta con un farmaco antipiastrinico, 3.73 per terapia tripla con antagonista della vitamina K e 2.28 per la terapia tripla diretta con anticoagulante orale.

Le analisi dei sottogruppi hanno mostrato modelli simili.

Il tasso di incidenza per sanguinamento maggiore è stato pari a 10.2 per 100 anni-paziente tra i pazienti che hanno ricevuto la tripla terapia.
Si sono verificati tassi di sanguinamento maggiore molto elevati nei pazienti trattati con tripla terapia di età superiore a 90 anni ( IR 22.8 per 100 anni-paziente ) o con punteggio CHA2DS2-VASc maggiore di 6 ( IR 17.6 per 100 anni-paziente ) o con una storia di sanguinamento maggiore ( IR 17.5 per 100 anni-paziente ).

I pazienti con fibrillazione atriale in tripla terapia hanno presentato alti tassi di sanguinamento maggiore rispetto ai pazienti in doppia terapia o in monoterapia.
Le alte percentuali di sanguinamento osservate nei pazienti con tripla terapia con più di 90 anni di età o con un punteggio CHA2DS2-VASc maggiore di 6 o con una storia di sanguinamento maggiore giustificano un'attenta considerazione di tale terapia in questi pazienti. ( Xagena2019 )

van Rein N et al, Circulation 2019; 139: 775-786

Cardio2019 Farma2019


Indietro