52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
Xagena Mappa

Troponina ad alta sensibilità e rischio di fibrillazione atriale nella malattia renale cronica


I pazienti con malattia renale cronica ( CKD ) sono a maggior rischio di fibrillazione atriale. C'è necessità di nuovi biomarcatori per prevedere in modo affidabile e accurato la fibrillazione atriale in questa popolazione.
La troponina ad alta sensibilità ( HsTP ) consente il rilevamento di basse concentrazioni di troponina.
L'utilità di HsTP per valutare il rischio di fibrillazione atriale nella malattia renale cronica non è stata stabilita.

E' stata esplorata l'associazione tra HsTP e il rischio di fibrillazione atriale incidente nella malattia renale cronica.

La coorte di insufficienza renale cronica era una coorte prospettica di 3939 individui con malattia renale cronica da lieve a moderata.
La troponina ad alta sensibilità è stata misurata al momento dell'arruolamento nello studio.
Sono stati esclusi i pazienti con una storia di fibrillazione atriale.
I pazienti sono stati seguiti per fibrillazione atriale di nuova insorgenza.
Lo studio ha riguardato un totale di 3217 partecipanti.

In un periodo di follow-up mediano di 7.1 anni ( range interquartile 5.0-8.4 anni ), 252 pazienti hanno sviluppato fibrillazione atriale di nuova insorgenza ( 12 eventi per 1000 anni-persona di follow-up ).

L'incidenza di fibrillazione atriale di nuova insorgenza è stata del 2.46%, 7.06% e 11.5% rispettivamente a 3, 6 e 9 anni.

Rispetto al quartile più basso di HsTP, i pazienti nel terzo quartile di HsTP ( rapporto di rischio 2.40; intervallo di confidenza [ IC ] 95% 1.58-3.65; P inferiore a 0.001 ) e il quarto quartile di HsTP ( hazard ratio, HR 4.43; IC 95% 2.98– 6.59; P inferiore a 0.001 ) hanno presentato una maggiore incidenza di fibrillazione atriale.

In conclusione, i livelli di troponina ad alta sensibilità sono risultati associati a un aumentato rischio di fibrillazione atriale nei pazienti con malattia renale cronica da lieve a moderata.
Questa associazione è rimasta significativa nonostante l'aggiustamento per i tradizionali fattori di rischio di fibrillazione atriale e malattia renale cronica. ( Xagena2020 )

Janus SE et al, Heart Rhythm 2020; 17: 190-194

Cardio2020 Nefro2020



Indietro